Ispirazione caravaggesca

Non è un santo, non si chiama Matteo, non è un libro, non c’è l’angelo, e tante altre differenze!

L’opera s’intitola “La chipazione”.
Di altissima fattura, ne sono sostanzialmente sconosciuti sia l’autore che la tecnica. Di certo, essa rappresenta San Sascio d’Alemania mentre riceve da Dio il mandato e alcune generiche indicazioni per inventare il primo computer nel 400 d.C. Successivamente, i pagani non gli credettero e misero al bando sia l’invenzione che il sistema binario.
Pare addirittura che un altro tedesco, Gottfried Wilhelm Leibniz, attorno al 1670, in realtà non abbia inventato il sistema binario, bensì l’abbia ricavato da alcune “stampe ad aghi”, certamente attribuibili a San Sascio e poi maldestramente distrutte, che egli aveva ritrovato nella biblioteca di un convento arroccato in qualche regione sull’asse del Brennero.

dalla nuova edizione di “Percorsi d’arte, profili d’estasi” del Benatti, per le “Edizioni Via Carta”

Grazie ad Alessandro Benatti per il testo! 🙂

Basso Garda

Il gruppo dei “trent’anni dopo” (che ormai sono diventati di più), si riunisce nella zona del basso Garda: Borghetto, sempre carina nonostante l’inospitalità della segnaletica del parcheggio, la notte nebbiosa a Castellaro Lagusello, e per finire la passeggiata a Sirmione, con il Lago di Garda in tutto sole.

clicca sull’immagine per accedere all’album fotografico.

Tramonto su Borghetto sul Mincio

Vienna

Vienna, per lavoro.
Ma visto che anche qui è un bel po’ di tempo che non ci torno, approfitto del fatto che sono abituato ad alzarmi presto e visito la città al suo risveglio.

clicca sull’immagine per accedere all’album fotografico.

Wien - Schloß Belvedere
Schloß Belvedere

Revival

Un amico mi ha regalato una Halma Auto, una reflex a pozzetto medio formato del 1960, che languiva nel suo garage. Funziona ancora perfettamente. Ovviamente tutto manuale, nulla di elettronico, nessun esposimetro. Ghiere diaframma e tempi senza scatti, si impostano in continuo. Primo tentativo miseramente fallito. Il secondo è andato molto meglio. Bene, ma adesso dei negativi (o dei provini) che me ne faccio? Vorrei portarli in digitale.

Leggi tutto “Revival”