Il Giardino dei Tarocchi

Ce l’ha consigliato un amico (grazie Erhard!), e ci ha incuriositi. L’unica “gita” che abbiamo avuto voglia di fare per interrompere il relax di questa vacanza.

Ci siamo goduti la visita del parco nelle ore precedenti il tramonto, proprio prima che venissero all’assalto le zanzare! Bellissima luce, temperatura gradevole, poca gente.

Leggi tutto “Il Giardino dei Tarocchi”

E poi ha fatto “zoom”

Già il titolo è un programma. Oltre all’ovvia allusione fotografica è anche il ritornello di una celeberrima canzone tedesca del 1984 giunta persino alle mie orecchie.

Ebbene sì, sono stato pubblicato sulla rivista corporate di ARAG nel numero corrente. Questa volta a diffusione esclusivamente digitale, ai circa 4mila dipendenti del gruppo world-wide.

Grazie alla giornalista Anja Pieper che è riuscita a trarre un bell’articolo dai miei sproloqui, e grazie a Cinzia Cani che ha gentilmente concesso la mia foto d’apertura.

Leggi tutto “E poi ha fatto “zoom””

Ispirazione caravaggesca

Non è un santo, non si chiama Matteo, non è un libro, non c’è l’angelo, e tante altre differenze!

L’opera s’intitola “La chipazione”.
Di altissima fattura, ne sono sostanzialmente sconosciuti sia l’autore che la tecnica. Di certo, essa rappresenta San Sascio d’Alemania mentre riceve da Dio il mandato e alcune generiche indicazioni per inventare il primo computer nel 400 d.C. Successivamente, i pagani non gli credettero e misero al bando sia l’invenzione che il sistema binario.
Pare addirittura che un altro tedesco, Gottfried Wilhelm Leibniz, attorno al 1670, in realtà non abbia inventato il sistema binario, bensì l’abbia ricavato da alcune “stampe ad aghi”, certamente attribuibili a San Sascio e poi maldestramente distrutte, che egli aveva ritrovato nella biblioteca di un convento arroccato in qualche regione sull’asse del Brennero.

dalla nuova edizione di “Percorsi d’arte, profili d’estasi” del Benatti, per le “Edizioni Via Carta”

Grazie ad Alessandro Benatti per il testo! 🙂